L’Architetto: una deriva insolita fra le forme espressive.

Spacelandia-locandina72La mostra di Simone Di Stefano SPACELANDIA – Una deriva solida tra le dimensioni (ospitata da Mandarini spazio arte) è stata (ed è tuttora grazie ai suoi passi successivi) un’occasione d’interazione fra un gran numero di creativi, sia per quanto riguarda la fase produttiva di Simone stesso, ispirata dalle chiacchiere fatte coi pazzi amici, sia per le derive che ne sono seguite: il testo critico e le presentazioni di David Laurenzi, l’allestimento e la comunicazione coadiuvate da Fabrizio Bellini e gli scritti prosopoetici che ne stanno uscendo fuori.

Pur non essendo attività ospitate a BracciaRubate, alcuni creativi che a BracciaRubate fanno base hanno iniziato una proficua collaborazione con il vicino Lab52 (il laboratorio artistico di Simone, sito in Via Alessi, 52) e con il gruppo informale di creativi che ruota attorno alla rivista FLUSSO… una rete d’idee e progetti in continua gestazione/parto/sviluppo, e della quale ci piace parlare anche in questa sede.

Ed è proprio da questa contaminazione che è nata la performance del 27 Giugno 2015, della quale presentiamo il video: una contaminazione di codici differenti che Simone ha voluto promuovere per poterne lui stesso godere da spettatore.

2015-06-27-L'Architetto-Spacelandia-MandariniL’Architetto, dunque, quell’unico personaggio antropomorfo presente nei quadri di SPACELANDIA, è diventato protagonista di un racconto di fantascienza scritto da Fabrizio Bellini ed editato con l’aiuto di Zolletta. E, dalla presentazione di FLUSSO al PostModernissimo, altri incroci ed altri incastri: i libri con i quali Zolletta aveva assemblato una grande freccia/panchina diventano un muro davanti al Tavolo dell’Architetto – l’oggetto/scultura che Simone ha inserito nella mostra – un muro smontato e ricostruito davanti al lettore Fabrizio, per liberarne la voce nascondendone il corpo e la presenza; e la musica di Phantom Ship, che di nuovo si presta generosamente a far da intenso sottofondo a quella stessa voce.

Ecco il video di quella performance, insomma, quella sperimentazione senza prove che ha unito così tante forme espressive e che, soprattutto, ha unito individui delle più diverse formazioni artistiche in nuove e più strette amicizie.

L’Architetto – video

L’Architetto – testo integrale

Annunci

Alcatraz in Viola!

Laboratori creativi di Fiorivano le Viole al Festival dell’Immaginazione.

Alcatraz1 (1)Sui verdi prati di Alcatraz, alcuni dei prodi creativi di Fiorivano le Viole hanno rincorso il semprevivo fantasma di Andrea Pazienza alla ricerca di una danza spontanea che potesse unire arte e socialità, coinvolgendo i presenti nelle calde ombre dell’assemblaggio e della pittura. Primi pomeriggi ricchi d’interazioni, chiacchiere, scoperte. Laboratori senza maestri ed allievi, veicolo di esperienze e passioni. Piccoli spazi senza mura a fare da contrappunto alle interessantissime lezioni. Piccoli artisti quasi anonimi felici di scorrere fra i grandi nomi del cartellone e fieri della propria leggerezza: Fabrizio Bellini, Massimo Boccardini ed Elisa Canestrelli (Atelier degli Artisti) animatori di un approccio fluido e naturale alla creatività ed all’immaginazione.

programmawebArtisti insonni a chiacchierare tutta notte attorno al tavolo o dentro la piscina riscaldata, ma pronti la mattina dopo a ricominciare il gioco dell’arte.

Noi crediamo nella luce!

inlightwetrust-def-web100BracciaRubate, in collaborazione con lo Studio OKO di Attilio Brancaccio e la pizzeria Pizza & Musica, presenta:

IN LIGHT WE TRUST

Due giorni e una mostra di LightPainting a gogò!

Protagonisti dell’evento sono Giulio (garagolo) Garavaglia e William (yapwilli) Vecchietti col loro progetto Signes de Lumière, contaminazione fra pittura e fotografia nella quale lo strumento tecnologico si fa veicolo di una poetica pura, un immaginario che unisce la realtà del soggetto ritratto – e dello spazio urbano che lo ospita – con una dimensione fantastica ed ironica della quale farsi protagonisti. Angeli, demoni, alieni ed incubi che escono dall’ombra, segnati dalla luce.

Info sul progetto e gli autori.

23 Novembre

Inaugurazione della mostra delle opere di Signes de Lumière alla pizzeria Pizza e Musica di Via della Madonna, 5

L’esposizione introduce quello che sarà il fulcro dell’evento: due intensissimi giorni di Light Painting nel quartiere di Via della Viola!

evento facebook

Sabato 6 Dicembre

Lo studio OKO di Via Cartolari, 14 ospita il workshop di Light Painting di Yapwilli & Garagolo, dedicato a curiosi e neofiti, ma anche a tutti i pittori, i fotografi e gli attori che desiderano confrontarsi con questa tecnica, imparando a disegnare con le luci ed il movimento.

Per prenotarsi ed avere ulteriori informazioni occorre mandare una mail a multiplodiotto@yahoo.it oppure passare a BracciaRubate, in Via Cartolari, 4.

Domenica 7 Dicembre

In occasione del primo mercatino natalizio organizzato dall’associazione Fiorivano le Viole per le vie del quartiere, lo studio OKO ospita una sessione di ritratti in Light Painting, aperta a chi voglia o si trovi a passare, e non abbia paura di farsi avvolgere e trasformare dalla luce.

A seguire, alla pizzeria Pizza & Musica, sarà presentato il video “La Canzone della Mosca“, realizzato da Signes de Lumière su musica di Zolletta.

Il video aprirà la performance musicale della D-Lights Clear Karma Orchestra nella loro prima apparizione pubblica!

evento facebook

Non potete mancare!

Fiorivano le Viole nei luoghi di don Matteo

don matteo-articolo

In attesa di raccogliere ed organizzare le foto dell’azione performativa di Mastro Zolletta al Gran Falò dei Curriculum del primo maggio, ecco una galleria dei laboratori svolti dai creativi di Fiorivano le Viole durante l’evento Spre.k.o. – la festa di cittadinanzattiva tenutasi a Spoleto dal 2 al 4 maggio.

Fabrizio Bellini ha portato il laboratorio aperto di ROBOTOLOGICA, Chiara Dionigi quello di carta e rilegatura mentre Francesco Capponi, maledetto da Apollo, ha tentato quasi invano di fare cianotipie. Il clima è stato crudele, a tratti infame, i raggi di sole contati sulle dita di una mano, inficiando non poco il buon svolgersi di un evento ricco di laboratori, conferenze, incontri ed eventi interessanti, nel bellissimo contesto della rocca albornoziana (che fino a pochi anni fa era un carcere).

Assieme ai nostri, c’erano i rappresentanti di tre delle botteghe di pittura di via della Viola, i maestri Maurizio Pulvirenti, Massimo Boccardini e Josè Carlos Araoz, col loro laboratorio di pittura tridimensionale.

Vabbè, speriamo di poter partecipare anche il prossimo anno, magari senza sciarpe e cappotti (non è che ci lamentiamo, è che era proprio freddo!)