2013/08/13 – andare a capo

vedi:

poesie.

di Fabrizio Bellini.

I puristi della metrica

non credono che la poesia

sia semplicemente

andare a capo;

ma proprio nel rimando

a nuovi orizzonti,

passati fotogrammi,

dubbi inespressi

sul futuro contorto

che cresce la poesia,

come cespuglio spinoso

fra rocce soleggiate.

Andare a capo

come orgasmo rimandato,

neppure interrotto,

come frustrazione

da balbuzie:

davanti il bianco

di una notte di vetro,

con la bellezza

ben visibile dietro,

intoccabile.

16/08/2013 (13.20 circa – Pitigliano)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...